Burt’s bees Recensione

    L’azienda, fondata nel 1984 negli Stati Uniti, ha iniziato la sua carriera originaria con la produzione di candele alla cera d’api, per poi, successivamente, specializzarsi nel campo dei cosmetici naturali, diventandone uno dei più riconosciuti.

    Burt’s Bees crea prodotti naturali fino al 100%, cruelty free e a base di cera d’api biologica, erbe e oli vegetali, qualità top e prezzo conveniente!

    – burt’s bees baby bee nourishing lotion

    È un latte per bambini delicato, piuttosto liquido, che si assorbe molto velocemente ma che è sorprendentemente altrettanto idratante. I latti così liquidi non sono la mia passione, ma questo lo uso nei mesi più caldi quando non mi va di usare qualcosa di troppo pesante. Adattissimo a chi odia ungersi troppo ma ha comunque bisogno d’idratazione. Adoro poi l’odore: vagamente di latte, come tutti i prodotti corpo di questa marca, ma trovo che sappia proprio di bambino! Avete presente quell’odore dolce che hanno solo loro? Ecco, quello.


    È un bagno schiuma delicatissimo e idratante, che lava senza aggredire e fa una schiumetta morbida e profumata, con tante piccole bollicine. Non ho molto da dire di questo prodotto, più che altro perché i doccia schiuma non sono tra i miei prodotti preferiti. Nonostante non nutra un profondo amore per la categoria, però, questo mi piace molto perché lascia una sensazione di vero pulito sulla pelle.

    – burt’s bees radiance exfoliating body wash

    E’ un normalissimo bagnoschiuma (categoria da me sempre un po’ snobbata) comprato più come scrub che come bagnoschiuma. Invece ne sono un po’ delusa: i granellini che dovrebbero esfoliare sono pochi, troppo pochi per i miei gusti, quindi ritengo che l’effetto scrub sia misero. Come bagnoschiuma nulla da dire invece, delicato e profumato come tutti i Burt. Lo userò come bagnoschiuma leggermente esfoliante da tutti i giorni, riservando a prodotti più strong lo scrub settimanale.

    VISO:
    – burt’s bees soap bark and chamomile deep cleansing cream

    È un detergente cremoso e piuttosto denso che uso per lavare il viso la mattina (la sera preferisco un unico prodotto struccante per viso e occhi). Si spalma sulla pelle umida, si massaggia e risciacqua. Fa pochissima schiuma non contenendo tensioattivi ma lava davvero bene. Lascia la pelle veramente liscia e morbida, e la sensazione di pulizia profonda è notevole, nonostante non sia per nulla aggressivo. Ha un odore che non mi fa impazzire (forse un po’ balsamico, dovuto a qualche olio essenziale immagino) ma che non rimane sulla pelle. Mi piace proprio molto!

    – burt’s bees radiance night creme

    È una crema da notte ricca e abbastanza grassa, che mi aveva un po’ spaventata alla prima applicazione avendo la pelle spesso lucida. Sono però rimasta sorpresa: si assorbe subito e non lascia la pelle unta, nemmeno la mattina dopo. Ha un’orribile consistenza però: super “bavosa”, ma si stende bene senza lasciare scie bianche e lascia la pelle morbida e liscia. L’odore non è granché, ma non fastidioso. E’ però una crema essenzialmente a base di olio di mandorle dolci, quindi comedogena, l’ho riciclata come crema per il corpo notando pori molto più puliti! Bocciata insomma.

    – burt’s bees marshamallow vanishing creme

    E il primato della crema più pesante del mondo va a…questa! E’ strana, devo ancora inquadrarla per bene. Innanzitutto la consistenza: compattissima, per niente fluida come le creme normali, sembra più un burro (tipo quello di mango, che è anche un ingrediente). Quindi si preleva a scagliette, che si sciolgono subito a contatto con la pelle. Appena messa mi sono spaventata dell’effetto unto bisunto, soprattutto sulla mia pelle tendenzialmente lucida. L’ho messa prima di andare a letto (è decisamente una crema da notte, troppo corposa!) ma dopo qualche ora si è assorbita completamente e la mattina avevo la pelle bella morbida e opaca.

    – burt’s bees royal jelly eye creme

    Anche questo è strano forte! E’ leggermente più morbido della crema, ma comunque molto compatto. Io lo boccio assolutamente: è unto che più unto non si può (la mattina dopo avevo ancora il contorno occhi lucido) e poi ha una consistenza leggermente granulosa. E non mi risulta che lo scrub sia indicato per una zona così delicata come il contorno occhi…

    – burt’s bees peach and willowbark deep pore scrub

    E’ uno scrub per il viso che fa il suo dovere: io lo scrub non lo faccio spesso, ma quando lo faccio, voglio che esfoli per bene! Qui i granulini esfolianti (polvere di nocciolo di pesca) ci sono eccome, e lavorano bene. Ne basta poco e lascia la pelle bella morbida perché contiene anche olii idratanti, pulisce e chiude i pori. Lo uso una volta a settimana prima della maschera, ed è decisamente promosso!

    – burt’s bees pore refining mask

    Più che una maschera è un insieme di polveri, da miscelare ad acqua (anche se io preferisco lo yogurt o un idrolato) al momento dell’uso. Di per sé è un ottimo prodotto, purificante ed astringente, ma se avessi letto bene prima dell’acquisto, rendendomi conto che non è un’emulsione, non l’avrei preso. Mi auto produco già da sola una maschera in polvere che assolve la stessa funzione, con argilla verde, bianca, viola, olio di jojoba, miele in polvere e olio essenziale di lavanda. Questo è quello che ritengo sia necessario, il resto lo trovo inutile in una maschera che è lavata via dopo 15 minuti.

    LABBRA:

    Il prodotto è lo stesso, cambia solo il formato (stick o vasetto). Dato la consistenza piuttosto compatta, trovo forse più maneggevole lo stick. È un balsamo labbra molto fresco che sa di menta, non appiccica, non lascia le labbra lucide e dà una sensazione confortevole e “leggera” (non perché poco idratante, ma grazie alla sensazione fresca). Per questo penso sia adatto anche ai maschietti, o a chi non ama le texture troppo burrose e pesanti sulle labbra. Per lo stesso motivo, forse non sembrerà “abbastanza” per chi ha problemi di secchezza e screpolature più pesanti. Non credo che lo ricomprerei, qualcosa di mentolato sulle labbra nel gelo invernale non è che sia molto piacevole! Presente quando bevete acqua fredda dopo aver lavato i denti? Già. Atroce!

    CAPELLI:
    Lo shampoo è delicato, non contenendo SLES e SLS, quindi non lava abbastanza per i miei capelli tendenzialmente grassi. Peccato perché fa una schiumettina fitta e morbida, ma soprattutto, fa quel che promette! I piattume regna imperterrito sui miei capelli super fini, ma con questo shampoo qualche miglioramento l’ho notato. Le radici appaiono più sollevate e le lunghezze più vaporose, peccato che dopo 2 giorni siano da rilavare!

    About the author /


    Post your comments

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    advertsiment

    Iscriviti alla news
      Ricevi gli aggiornamenti della nostra community