Carnivoro vs vegano cosa succede al corpo?

    Carnivoro vs vegano

    Carnivoro vs vegano cosa succede al corpo?

    Sempre più persone riducono il consumo di carne. Molti diventano vegetariani, altri vegani, rinunciando così non solo a carne e pesce, ma anche a uova, latte e miele.

    Le ragioni più diffuse sono di carattere etico o morale in merito al trattamento degli animali negli allevamenti, il desiderio di una distribuzione equa delle risorse alimentari, convinzioni religiose, questioni di salute, preoccupazioni per l’ecologia e una combinazione di tutte queste.

    Così. al posto di carne, pesce, uova, yogurt, la nuova dieta si baserà su cereali, legumi, frutta e verdura. Tofu, seitan, semi e germogli.

    MA COSA SUCCEDE ALL’ORGANISMO QUANDO PASSA DA CARNIVORO A VEGANO?

    Si dimagrisce. In media smettere di mangiare carne fa perdere circa 5 kg in uno/due mesi, senza diminuire il numero di calorie ingerite o le sedute di sport. La perdita di peso si verifica già dopo una settimana: pancia più piatta e peso più leggero.

    Si scoprono nuovi sapori. Mangiare seitan e quinoa insieme a un mix di verdure, può riservare grandi sorprese. Nuovi sapori sconosciuti. E poi tutte le salsine a base di legumi come l’hummus sono buonissime!

    Possono verificarsi carenze da ferro, vitamina D e B12. Per integrare senza mangiare carne, occorre mangiare spinaci, lenticchie, noci per fare il pieno di ferro.

    La vitamina D si trova invece nelle uova e nei cereali, mentre la B12 nei cereali e nella soia.

    Diminuisce il colesterolo. Non mangiare grassi di origine animale fa calare il colesterolo.

    Diminuisce la probabilità di malattie cardiovascolari. La carnitina, un aminoacido presente nella carne, provoca la proliferazione dei batteri intestinali, condizione che a sua volta può aumenta la possibilità di malattie cardiache.

    Da carnivoro a vegano cosa succede al corpo ?

    SALUTE

    Per comprendere come l’uomo non sia un animale carnivoro basta osservare alcune caratteristiche anatomiche dell’apparato digerente e della dentatura.

    Prendiamo in considerazione i denti, i carnivori sono dotati di canini lunghi, conici e taglienti, quelli dell’uomo sono smussati; gli incisivi sono poco sviluppati nei carnivori, sono invece parecchio sviluppati nell’uomo;

    anche i molari sono appuntiti negli animali carnivori e smussati nell’uomo. Inoltre la mascella dei carnivori non può effettuare un movimento di macinazione laterale.

    La differenza palese compare però nell’apparato digerente, sia lo stomaco che l’intestino cambiano in base all’alimentazione della specie presa in considerazione.

    Infatti lo stomaco è semplice nei carnivori, tripartizionato negli erbivori, con duodeno nei primati e nell’uomo, questo sottintende un diverso processo digestivo a seconda dei casi.

    Arriviamo così all’intestino, l’ultima parte dell’apparato digerente deputato al completamento della digestione ma soprattutto all’assorbimento delle sostanze nutritive.

    Qui le differenze sono sostanziali basti notare la lunghezza che è solo 3 volte quella del tronco nei carnivori, 10 volte negli onnivori, dalle 12 alle 18 volte negli erbivori e 12 volte nell’uomo.

    Anche in questo caso non voglio giungere a nessuna conclusione, ma ognuno dovrebbe giungere alla propria;

    in ogni caso l’uomo ha iniziato a mangiare carne molto presto nella sua storia evolutiva, soprattutto da quando ha perfezionato le armi, le tecniche di caccia e scoperto il fuoco;

    è allo stesso modo indubbio che le specie evolutivamente più vicine all’uomo, così come gli antenati comuni, sono sostanzialmente vegetariane, prediligono la frutta, “ma mangiano anche il miele, gli insetti, gli uccelli e le loro uova, e le piccole e medie taglie dei mammiferi” (fonte Wikipedia, scimpanzé).

    Ragionevolmente quindi i primati più vicini all’uomo si comportano da onnivori in particolari cirscostanze, sfruttando le opportunità che si presentano loro o per necessità.

    Carnivoro vs vegano cosa succede al corpo?

    Tagged with:     , ,

    About the author /


    Post your comments

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    advertsiment

    Iscriviti alla news
      Ricevi gli aggiornamenti della nostra community