E-Campus Recensione

    E-Campus Recensione

    L’università del futuro è telematica, semplice e veloce. Al momento dell’iscrizione, che si può fare in qualsiasi momento dell’anno, viene prospettato un piano di studio: calcolando il tempo che si vuole dedicare settimanalmente all’università, la consulente vi preannuncerà più o meno la data della laurea. Salvo intoppi.

    eCampus

    L’università ha ben cinque facoltà: giurisprudenza, psicologia, economia, lettere e ingegneria. Più un offerta formativa post laurea. Con tanto di lauree triennali e specialistiche. Come una normale università offline. E anche la laurea, ovviamente, ha lo stesso valore legale di quella conquistata seguendo le lezioni e studiando sui libri.

    Ma come si studia in una università telematica? Alla base di tutto c’è una «piattaforma», alla quale si accede con una procedura di identificazione con username e password. «Dalla piattaforma si scaricano le slide delle lezioni del docente, ma non ci sono videolezioni», spiega al telefono la consulente. In pratica: il docente lo vedi solo il giorno dell’esame. A meno che tu non voglia partecipare «ai seminari in sede che i docenti tengono il giorno prima dell’esame», come recita la sinuosa pubblicità sui giornali. Per tutto il resto ci sono i tutor, gli stessi di Cepu, per lo più ricercatori a tempo determinato, «con i quali si mantengono rapporti frequenti, non necessariamente di persona, magari per telefono o via email. Ti mandano le prove d’esame precedenti, ti danno consigli su come studiare». E il gioco è fatto. Dei libri, nemmeno l’ombra.

    E gli esami? Per quelli c’è sempre tempo. E sede. «Ci sono le sessioni ogni mese e mezzo, ma ci si può mettere d’accordo su un’altra data in base alle esigenze dello studente. E si possono fare in qualsiasi sede, sia a Novedrate, sia nelle altre due sedi». Sempre in base alle esigenze dello studente. «Ah, e non c’è il salto di sessione come nelle università statali». Quindi se si viene bocciati, si può rifare la prova anche nella stessa sessione. Niente male, tanto che, come racconta uno studente, «si può arrivare anche a 12 esami in un anno». Ma, assicurano tutti, «c’è da studiare, non è come si pensa». Gli studenti che vogliono fermarsi per la notte, nel giorno dell’esame, possono prendere in affitto delle camere: il costo, comprensivo di colazione, pranzo e cena, è di 75 euro per la camera standard, 90 per la suite (la suite all’università?

     

    Quando telefoni al numero verde per chiedere delle informazioni sulle iscrizioni, risponderà una gentilissima operatrice telefonica che chiede il tuo numero di telefono per fissare un appuntamento (telefonico). Dopo poche ore, la telefonata è puntuale e arriva da Novedrate, Como, dove E-Campus ha la sua sede principale nell’ex sede di IBM (oltre a quella di via del Tritone a Roma e quella di viale Principe Umberto a Messina). Più di 23mila metri quadri immersi nel verde, alle porte del paesino lombardo famoso per essere stato citato in ‘O scarrafone di Pino Daniele e nelle parodie sui bauscia brianzoli (il Marco Ranzani di Cantù) di Radio deejay.

    Il percorso fino alla laurea è piuttosto “solitario”. E i costi elevatissimi. Le tasse variano in base al numero di incontri con il tutor. Dodici incontri: 3mila e 900 euro. Servizio con tutor in presenza 96 ore per anno: 11mila euro. Fino ai 26mila e cento euro per il “Servizio tutor in presenza college a Novedrate – due semestri con residenzialità”.

    9dd6595557

    Sì, perché – potrà sembrare un paradosso – l’università telematica offre anche la possibilità di abitare (fisicamente) nel residence (270 alloggi) ricavato nella vecchia sede IBM. Per essere “studenti a tempo pieno” nel campus di Novedrate. L’ateneo telematico a distanza si trasforma così in un’università tradizionale, addirittura residenziale. Dove gli studenti, anche residenti, potranno scaricare le slide dei professori che vedranno solo in sede d’esame o al massimo qualche giorno prima. Mistero del Cepu.

    Dietro Polidori, c’è la Cesd (Corsi editati schede dispense) srl, proprietaria, tra gli altri, dei marchi Cepu, Grandi Scuole e Scuola Radio Elettra, che – a bilancio 2012 – ha più di 80 milioni di debiti. Ed è la Cesd stessa che recluta e forma i tutor destinati a seguire, online o in presenza, gli “studenti telematici” di E-Campus.

    Tagged with:     , ,

    About the author /


    Post your comments

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    advertsiment

    Iscriviti alla news
      Ricevi gli aggiornamenti della nostra community